Il Google Cultural Institute

Il Google Cultural Institute nasce nel 2011 per rendere accessibile il patrimonio culturale dell’umanità, lavorando in collaborazione con istituzioni culturali.

Il Google Cultural Institute non ha fini di lucro e mette gratuitamente a disposizione di musei, archivi e fondazioni la tecnologia necessaria per digitalizzare opere d’arte, documenti e siti e per renderli visibili in Rete. La scelta del materiale viene fatta dalle istituzioni culturali. Dal 2011, nelle tre aree d’intervento (Art Project, Momenti storici e World Wonders) sono stati coinvolti oltre sessanta Paesi, messe online più di 4 milioni di immagini.

Google Arts & Culture

Google Arts & Culture è un nuovo spazio online che permette agli utenti di esplorare le opere d'arte, i manufatti e molto altro di oltre 1.500 musei, archivi e organizzazioni che hanno lavorato con il Google Cultural Institute per trasferire online le loro collezioni e le loro storie. Disponibile sul Web da laptop e disposi9vi mobili, o tramite l'app per iOS e Android, il sito è pensato come un luogo in cui esplorare e assaporare l'arte e la cultura online. Google Arts and Culture è una creazione del Google Cultural Institute.

Google Art Project

L’Associazione culturale GardaMusei è entrata a far parte di Google Arts & Culture, la piattaforma tecnologica sviluppata da Google per promuovere e preservare la cultura online. A partire dal 25 settembre 2018 è infatti possibile scoprire alcune delle realtà associate a GardaMusei attraverso immagini in alta risoluzione e conoscere i luoghi, la storia, l’arte e la cultura che il territorio conserva.

La collezione digitale

Attraverso la realizzazione della collezione digitale è possibile conoscere l’Associazione culturale GardaMusei e i suoi soci. Grazie alla digitalizzazione e al caricamento online di immagini in alta definizione è possibile visitare virtualmente le realtà turistico-culturali che hanno aderito al progetto.

Le mostre digitali
Attraverso la creazione di mostre virtuali (denominate "storie") le realtà associate aderenti al progetto ampliano la propria offerta culturale. Grazie a questa esperienza digitale, il turista virtuale potrà usufruire della migliore qualità tecnologica per approfondire la conoscenza di queste realtà scoprendone la storia, le opere custodite e i percorsi di visita.

La street view museale
Attraverso lo strumento di street view è possibile accedere ad alcuni dei musei associati e visitarne le sale interne. Questo strumento infatti consente di muoversi, camminare e ruotare all'interno degli spazi come in una reale visita ma accedendo comodamente dal computer. 

Scarica qui la brochure del progetto.

Post a comment

Sito realizzato da Nida’s grazie a un accordo di sponsorizzazione