I sentieri del gusto – Riserva della Rocca di Manerba

Sabato 20 ottobre a Manerba del Garda si svolgerà I sentieri del gusto. La manifestazione è organizzata dal Museo Civico Archeologico della Valtenesi in collaborazione con l’Associazione Culturale Valtenesi.

Inoltre, si avvale di guide professioniste, le sole autorizzate per legge ad accompagnare su sentieri escursionistici, che condurranno i partecipanti nei luoghi più suggestivi della Riserva Naturale della Rocca e del Sasso di Manerba del Garda, illustrandone le peculiarità naturalistiche, geologiche e storiche. La manifestazione è quindi un’ottima occasione per visitare uno dei più splendidi siti naturalistici che la provincia di Brescia possa offrire e di degustare le prelibatezze del nostro territorio, che hanno ottenuto il marchio di qualità.

L’evento, in collaborazione con il Comune di Manerba vede la partecipazione di aziende agricole e produttori locali, che incontreranno i partecipanti, al termine dell’escursione, per far degustare le specialità enogastronomiche della Valtenesi e dintorni: olio, miele, marmellate, salumi, vino e formaggi.

Si tratta di un’escursione naturalistica, il cui fine, oltre a valorizzare il meraviglioso territorio illustrando il meraviglioso ambiente che circonda la Rocca di Manerba, purtroppo ancora poco conosciuto è quello di valorizzare le produzioni di qualità  che costituiscono eccellenze nel nostro territorio.

La camminata facile e adatta a tutti, impegnerà gli escursionisti per circa 3 ore (soste comprese) dalle 9:30 alle 12:30.

La degustazione avrà luogo nel giardino situato sul retro dell’edificio museale.

Al termine della degustazione le guide resteranno a disposizione dei partecipanti per condurli nella visita all’interessantissimo Museo Civico Archeologico della Valtenesi suddiviso in due sezioni: una dedicata agli scavi archeologici e, al piano superiore, quella relativa agli aspetti naturalistici della Riserva.

Quota di partecipazione: € 10,00 adulti – bambini fino a 12 anni gratis

Contributo per la degustazione (solo adulti): € 5,00

Il ritrovo è presso il parcheggio gratuito a fianco del Museo, in via Rocca a Manerba del Garda (BS).

Info e prenotazioni: museodimanerba@libero.it – 3388328830 Paola – 3484452357  Nicola

www.riservaroccadimanerba.com

Book Online

Comune di Manerba del Garda

Manerba del Garda è un Comune di 3.800 abitanti formato da cinque frazioni sparpagliate tra la dorsale e il promontorio che culmina con l’altura della Rocca, parco regionale.

Manerba, con le sue cinque frazioni sparpagliate tra olivi e vigneti, è una delle località più frequentate della Valtenesi. La Rocca è uno dei più suggestivi promontori del Lago di Garda, oggi tutelata come parco naturale ed archeologico del Sasso: una scogliera a picco sul lago dal quale si gode un incomparabile panorama.

Oggi l’economia di Manerba è basata sul turismo e offre all’ospite una vasta scelta di strutture ricettive. In queste pagine potete trovare una selezione di Hotel, Residence, Appartamenti, Campeggi, Agriturismo e strutture ricettive per programmare la vostra vacanza. Inoltre tanti consigli su cosa vedere e fare a Manerba. Se siete curiosi di scoprire cosa accade nelle città vicini e nelle altre località del Lago di Garda non perdete l’occasione di visitare il sito GARDAWORLD.

  La Valtenesi, composta di sette Comuni, è territorio rinomato per la produzione di un vino chiaro, detto Chiaretto del Garda. Punto di partenza per ogni escursione è sicuramente la Rocca, compresa in un parco naturalistico, da cui si può godere un panorama veramente unico.

Nella prima frazione di Manerba, Balbiana, da visitare la chiesa di Santa Lucia con affreschi del XV° secolo mentre a Solarolo la chiesa parrocchiale e quella di San Giovanni Battista in stile barocco. Consigliabile l’escursione nel piccolo borgo di Polpenazze, in posizione panoramica, stretto ad un castello medievale. Nella frazione di Pieve da segnalare la chiesa romanica del XII° secolo con affreschi e un’iscrizione romana e il Museo Civico Archeologico della Valtenesi (Piazza Simonati) con reperti che spaziano dall’età palafitticola a quella medievale.

Learn more