DONNE di FRANCO MATTICCHIO

La Fondazione Cominelli di San Felice del Benaco inaugura, il 13 luglio 2019, la mostra “Donne” di Franco Matticchio, a cura di Melania Gazzotti e Rosanna Padrini Dolcini.

In mostra i lavori originali realizzati dall’artista, tutti dedicati alla figura femminile, un viaggio nell’immaginario di Matticchio che cercaa di fermare con linee e colori il mistero sfuggente e il fascino discreto di donne ordinarie.

Inaugurazione: sabato 13 luglio ore 18.00
Orari: sabato e domenica: 10.00-13.00 / 16.00-19.00
Sede: Fondazione Raffaele Cominelli, Via Padre Santabona 9, Cisano di San Felice del Benaco

 

 

Book Online

Comune di San Felice del Benaco

San Felice del Benaco è un comune sulla costa ovest del Lago di Garda, costituitosi nel 1928 dall’unione dei comuni di Portese e San Felice di Scovolo.

Uno dei luoghi di interesse è il Palazzo Cominelli, di proprietà dell’ illustre famiglia di origine salodiana che fece erigere il palazzo verso la metà del Seicento.I locali interni ospitano attualmente la sede della Fondazione Raffaele Cominelli.

Altro Palazzo è quello della famiglia Rotingo, ubicato in via XX settembre di un’antica famiglia salodiana. Dal 1993 ospita il municipio. Esso fu per oltre due secoli un’abitazione privata e successivamente, dal 1974 al 1989, fu adibito a scuola media. Dal 1993 a tutt’oggi il palazzo, di proprietà della parrocchia del Paese, svolge la funzione di accogliere la sede del Municipio di San Felice.

Vi è poi la chiesetta di San Giovanni Battista Decollato, la cui festa ricorre ogni cinque anni con una processione per le vie del paese. Il piccolo tempio, di proprietà dei Cavalieri di Malta, era gestito da un sacerdote che officiava le sacre liturgie ed era affiancato da un ospizio per l’assistenza e la difesa dei viandanti e dei pellegrini. Al suo interno è collocata la statua del Santo in gesso. Vi sono inoltre numerose tele e pale rappresentanti i vari santi.

Importante è il castello che venne eretto durante il medioevo con la funzione di ricettacolo a difesa dalle scorrerie di barbari; di esso rimane ora solo un mozzicone di una torre circolare. A sinistra rispetto all’entrata ha sede la Biblioteca comunale, sorta nel 1973; sulla destra si trova il centro di raduno del Gruppo Alpini di Portese, utilizzato anche come luogo d’incontro degli anziani della frazione.

Infine, l’isola del Garda è la maggiore delle isole del Benaco ed è conosciuta anche con il nome di Isola Borghese.
L’area oggi insulare fu abitata fin da tempi remoti, come testimoniano i ritrovamenti nel 1864 di antiche abitazioni e resti di palafitte sull’isola. Abbandonata nei secoli di decadenza dell’Impero Romano, l’isola fu rifugio per i pirati che assaltavano le imbarcazioni che percorrevano le rotte del Lago di Garda.
La proprietà cambiò negli anni successivi molti padroni, per giungere poi nelle mani della famiglia Cavazza, che ancora oggi la abita continuando ad occuparsi del parco e della conservazione del palazzo.
Dal 2002 l’Isola è stata aperta alle visite turistiche.

Learn more