Mostra “Face to Face” – MuSa di Salò

Al MuSa di Salò è tempo di grandi mostre. Presso la Civica Raccolta del Disegno è stata inaugurata il 9 aprile la mostra FACE to FACE, a cura di Anna Lisa Ghirardi. L’esposizione resterà aperta fino al 30 giugno.

In mostra una selezione di venticinque carte della Civica Raccolta del Disegno e due sculture. Lo spettatore si confronta per lo più con una galleria di volti, instaurando un dialogo, face to face, con l’opera. Si può creare una conversazione intima con il soggetto rappresentato, oppure esperire la negazione di una comunicazione. Il titolo dell’esposizione invita quindi alla riflessione sul concetto stesso di comunicazione e sulla capacità di dialogo introspettivo, evocato in molteplici opere.

Nell’eterogeneità delle opere presentate, si crea un iter sulla variazione del segno, della forma, della tecnica, della superficie, elementi intrinseci all’immagine e inscindibili da essa, che danno un piccolo assaggio della ricchezza della collezione Civica, costituita da circa 700 opere. I soggetti possono avere un’effige reale, ritratta dall’artista nella sua peculiarità fisionomica, o immaginaria, pensata dall’artista e concretizzata attraverso un medium; il ritratto è anche omaggio, ricordo.

Le opere presentate coprono un ampio excursus cronologico, dal primo decennio del Novecento a oggi, in un panorama che attraversa plurime e complesse trasformazioni politiche e sociali. Ogni opera richiede pertanto una riflessione vis à vis, che non escluda il contesto nella quale essa ha preso vita. Tra le carte esposte opere di Romolo Romani, Filippo de Pisis, Anton Zoran Mušič, Afro Basaldella, Matteo Pedrali, Rinaldo Pigola, Ladyslav Dydek, Mino Ceretti, Rodolfo Aricò, Luciano Cottini, Attilio Forgioli, Ruggero Savinio, Pino Pascali, Pietro Manai, Gianluigi Rocca, Dario Bellini, Raffaele Gerardi, Alberto Goglio, Simone Turra, Livio Scarpella, Marco Luzi, Vania Comoretti, Gregory Di Carlo, Nicola Samorì.

La Civica Raccolta del Disegno

La Civica Raccolta del Disegno è nata nel 1983 dall’idea di Giuseppe Mongiello, allora assessore alla cultura, dell’artista Attilio Forgioli e del critico d’arte Flaminio Gualdoni.  

L’istituzione, che ha raggiunto un carattere permanente, ha un deposito, un archivio e una sezione espositiva presso il MuSa. Suo compito è quello di costituire un importante fondo collezionistico pubblico, attraverso acquisizioni e donazioni, e promuoverne lo studio e la fruizione. La raccolta è oggi costituita da circa 700 opere su carta di artisti del Novecento, con particolare interesse all’arte italiana dal secondo dopoguerra ad oggi. 

Le opere della Collezione sono esposte a rotazione, per la tutela delle opere cartacee. Attualmente, oltre alle opere in mostra nella galleria superiore dedicata alla Civica Raccolta, sono esposte nel museo carte di Emilio Vedova, Alighiero Boetti, Carla Accardi, Alessandro Mendini, Carlo Lorenzetti, Nanni Valentini, Giulia Napoleone e Agostino Arrivabene.

Per maggiori informazioni clicca qui.

Book Online

MuSa Museo di Salò

Il museo che racconta la storia di Salò passando per la Magnifica Patria, la liuteria e Gasparo da Salò

Learn more