L’amore materno alle origini della pittura moderna da Previati a Boccioni- Verona

Il 6 dicembre alle ore 17.30 a Verona inaugurerà una nuova mostra: L’amore materno alle origini della pittura moderna, da Previati a Boccioni.

Il tema della maternità, interpretata nell’arte italiana fra Otto e Novecento è protagonista della nuova esibizione negli spazi della Galleria d’Arte Moderna Achille Forti di Verona. La mostra, curata da Francesca Ross e Aurora Scotti, resterà aperta dal 7 dicembre al 10 marzo 2019.

L’esposizione L’amore materno alle origini della pittura moderna, da Previati a Boccioni è la prima che la città di Verona dedica ad alcuni autori del Divisionismo italiano. L’obiettivo è promuovere la conoscenza di uno dei periodi più creativi della storia dell’arte del nostro Paese. Inoltre, si vuole restituire un contesto e un fondamento critico di riferimento alle opere della Galleria d’Arte Moderna Achille Forti legate a tale ambito figurativo. Il fulcro della nuova mostra è costituito dalla Maternità di Gaetano Previati, un capolavoro di grande formato e fortemente evocativo legato al tema dell’amore materno e proveniente dalle collezioni di Banco BPM che ha reso disponibile, per la prima volta a Verona, il monumentale dipinto di Previati. Il dipinto esposto alla prima Triennale di Brera del 1891 suscitò un vivace dibattito oltre che sulla tecnica divisionista, anche sui possibili esiti simbolici della rappresentazione. Il famoso artista-critico Vittore Grubicy, già attento sostenitore di Segantini, individuò nella tela di Previati il prototipo della pittura “ideista”.

Il percorso espositivo costruito attorno al grande dipinto propone celebri capolavori di Gaetano Previati, Medardo Rosso, Giovanni Segantini, Angelo Morbelli, Giuseppe Pellizza da Volpedo e Umberto Boccioni, capaci di restituire in maniera esemplare l’intensa stagione culturale che ha segnato il transito rivoluzionario della pittura italiana ottocentesca nella direzione europea dell’arte moderna d’avanguardia. Da qui, la rigorosa selezione filologica di una quindicina di opere che mette in evidenza il confronto tra esiti e ricerche diverse contemporanee al maestro ferrarese, ma anche le ricadute e gli stimoli forniti da queste sperimentazioni alle avanguardie del primo Novecento. Umberto Boccioni, in particolare, cercò un confronto diretto con Previati: la Maternità del Banco BPM rappresenta uno dei cardini del suo percorso critico come punto di riferimento in quel puntiglioso programma di studio nella storia dell’arte che, dopo molteplici ricerche, lo portarono al Futurismo.

Alla definizione del tema legato all’amore materno hanno inoltre contribuito generosamente tutti i prestatori che hanno così reso possibile la realizzazione della mostra. Un riconoscimento particolare va ai Musei Civici di Milano, alle Raccolte Grafiche e Fotografiche del Castello Sforzesco, alla Galleria d’Arte Moderna di Milano e al Mart di Rovereto, nonché al Museo Segantini di Saint Moritz: istituzioni che hanno partecipato attivamente all’elaborazione dei contenuti del progetto scientifico contribuendo anche all’ideazione di un piccolo circuito virtuale sul tema dell’amore materno itinerante tra le sedi di Verona, Rovereto e Milano, che il visitatore troverà segnalato nel catalogo e nei fogli di sala dedicati a Le due madri di Segantini, della Galleria d’Arte Moderna di Milano, e all’Autoritratto con la madre di Giorgio de Chirico, del Mart di Rovereto. Tali opere sono da considerare a pieno titolo parte dell’esposizione.

Per maggiori informazioni clicca qui.

Book Online

Città di Verona

Città con oltre due millenni di storia, Verona è internazionalmente conosciuta per la sua romantica storia.

Verona è un comune italiano di 257 601 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia situata in Veneto. È la seconda città della regione per popolazione dopo il capoluogo, Venezia.

La città scaligera, nota come luogo della tragedia di Romeo e Giulietta, è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dallUNESCO per la sua struttura urbana e per la sua architettura: Verona è un chiaro esempio di città che si è sviluppata progressivamente e ininterrottamente durante duemila anni, integrando elementi artistici di altissima qualità dei diversi periodi che si sono succeduti; rappresenta inoltre in modo eccezionale il concetto di città fortificata in più tappe determinanti della storia europea.

La provincia di Verona è situata nella parte sud occidentale della regione Veneto, a ridosso della sponda orientale del Lago di Garda, noto per la bellezza del suo paesaggio con verdi colline, dolci rilievi, piccole e grandi spiagge. A completare questo splendido dipinto, piccoli borghi con caratteristiche case colorate e magnifiche ville, simbolo di un’antica e raffinata prosperità. 
Numerosi sono anche i castelli, le torri, gli eremi, i monasteri, i santuari e le antiche pievi romaniche sparsi su tutto il territorio veronese, testimonianze di notevole interesse artistico e storico.

Nella parte più a nord, la Lessinia, con il suo Parco Regionale, e il Monte Baldo segnano il passaggio dalla pianura padana all’area alpina: un incantevole sfondo naturale per praticare trekking ed escursioni tra boschi di faggio, praterie, oliveti, vigneti e frutteti. Un ambiente di eccezionale valore che ha fatto meritare al Baldo l’appellativo di Hortus Europae – giardino d’Italia e d’Europa.

Nel cuore della provincia veronese, si trova la Valpolicella, terra di storia e di sapori dove, nonostante le tante ville storiche, la tradizione vinicola domina su tutto come vero elemento caratterizzante del territorio. Qui si producono pregiati vini conosciuti in tutto il mondo e raffinati secondo tecniche particolari ed uniche in Italia.
Più a sud si trova la zona del Basso Veronese, un mondo a sé, con i suoi ritmi lenti, i luoghi silenziosi, i colori mutevoli, una dimensione di vita ormai quasi dimenticata che ti accoglie con la stessa generosità dei suoi abitanti.

Learn more